"Lei sta all'orizzonte: mi avvicino due passi, lei si allontana due passi. Cammino dieci passi, e l'orizzonte si allontana dieci passi più in là. Per molto che io cammini, mai la raggiungerò. A che serve l'utopia? A questo serve: a camminare!"
(Eduardo Galeano)

giovedì 1 dicembre 2016

"APRI PER ME!": SERVIZI DEMOGRAFICI SU APPUNTAMENTO


Da agosto è nato un nuovo servizio di prenotazione appuntamenti per i servizi demografici del Comune di Rho: "Apri per me!"
La nuova opportunità proposta nasce con l’obiettivo di andare incontro ad un bisogno dei cittadini, favorendo la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e dando loro la possibilità di scegliere comodamente da pc o da smartphone il giorno e l’ora per recarsi al QUIC - Sportello del Cittadino.
Il servizio è usufruibile dal sito http://quic.comune.rho.mi.it/appme/, dove è possibile gestire con comodità il servizio di prenotazione per i seguenti procedimenti demografici:
• Carta d'identità
• Certificati
• Autentiche
• Iscrizioni anagrafiche - residenze
• Cambi di indirizzo
• Pubblicazioni di matrimonio
• Dichiarazioni di nascita

I giorni disponibili per prenotare un appuntamento sono:
martedì e giovedì dalle ore 14.00 alle ore 16.00 e il mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 9.30.

Nel frattempo sono stati gestiti 27 appuntamenti per i servizi demografici, in particolare per rilascio carta di identità e certificati e per le iscrizioni anagrafiche

Il QUIC – Sportello del Cittadino è il punto di contatto tra cittadini e Comune. E’ il front office di tutti gli uffici comunali (anagrafe, protocollo, scuola, servizi sociali, demanio e patrimonio, cultura, sport, elettorale, tributi, ecc.).
Presso il QUIC, i cittadini possono accedere in modo rapido ai servizi comunali, ottenere informazioni sui servizi offerti, ottenere certificazioni anagrafiche, ritirare atti e documenti predisposti dagli uffici di back office, protocollare istanze, richieste e iscrizioni, presentare reclami e segnalazioni, ritirare la modulistica sui procedimenti gestiti dal Comune.

L’Assessore a Bilancio e tributi - Patrimonio e catasto - Società partecipate - Affari generali - Personale e organizzazione - Innovazione, semplificazione delle procedure, trasparenza e legalità – Sport, Andrea Orlandi, dichiara:
“Nella vita di tutti i giorni è sempre difficile conciliare le esigenze familiari e lavorative. Per questo l’Amministrazione Comunale intende sempre di più proporre servizi “su misura” ai propri cittadini, che potranno scegliere e programmare il momento più opportuno per loro per recarsi al QUIC e fare richiesta di servizi demografici senza dispersione di tempo. Un grosso passo in avanti per il miglioramento dei servizi.”

venerdì 25 novembre 2016

PEOPLE OLYMPICS RHO: SPORT ED EDUCAZIONE PER IL BENESSERE DELLE NUOVE GENERAZIONI


People Olympics Rho è un progetto dell’Amministrazione comunale di Rho insieme alla cooperativa sociale Stripes, alle associazioni sportive Skating Rho e Passi e Crinali, che ha visto la realizzazione di attività nei campi dello sport, dell’educazione e del territorio per il benessere delle nuove generazioni. I numeri dimostrano il grande coinvolgimento e le iniziative svolte con l’organizzazione di 30 eventi dal 25 aprile al 29 ottobre 2016 : 4186 bambini e adulti, di cui 2538 di età fino a 20 anni e 1648 over 21 anni, 1837 famiglie.

Nel corso del suo svolgimento è stata coinvolta la realtà locale costituita dalle associazioni sportive e culturali. Il progetto è stato sostenuto da Fondazione Cariplo e Regione Lombardia tramite Lo sport: un’occasione per crescere insieme, il bando congiunto per la concessione di contributi per i progetti finalizzati alla diffusione e valorizzazione della pratica sportiva tra i giovani.

Obiettivo di People Olympics Rho è quello di sviluppare processi culturali, pratici e inclusivi che aumentino la frequentazione di pratiche sportive tra la popolazione di Rho compresa fra i 6 e i 19 anni. Si sono valorizzati gli aspetti pedagogico-educativi insiti nella pratica sportiva ponendo l’accento sugli aspetti di socializzazione, collaborazione e crescita dei partecipanti.

Le principali azioni previste e realizzate sono state:

SportBus: un mini van carico di attrezzature sportive e gestito da animatori ed istruttori sportivi che, nei parchi cittadini, hanno proposto giochi, hanno insegnato pratiche sportive, organizzato prove e tornei. Hanno partecipato 1.300 giovanissimi e 1.200 persone over 20 anni. I giovani sono stati coinvolti anche per la gestione, la preparazione e il riordino delle attrezzature.

Passeggiate Urbane: camminate nei luoghi della città per conoscerli, riscoprirli e valorizzarli, accompagnati dal passo lento degli asini... e imparando a muoversi curando la propria salute

Eventi nei parchi e nei luoghi verdi della città per valorizzarli e renderli più utilizzati per attività motorie all'aperto. Sono stati proposti giochi cooperativi per le famiglie, attività di primo approccio al camminare e all’escursionismo, attività sportivo-collaborative e sportivo-creative.

La partnership del progetto è così costituita:
- Soggetto capofila: Comune di Rho – Ufficio Sport
- Partners:
a. Associazione Sportiva Dilettantistica Passi e Crinali
b. Associazione Sportiva Dilettantistica Skating Rho
c. Cooperativa Sociale Stripes Onlus.

La Fondazione Cariplo ha finanziato il progetto per un importo complessivo di € 52.624,00.

Il Vice Sindaco e Assessore a Bilancio e tributi - Patrimonio e catasto - Società partecipate - Affari generali - Personale e organizzazione - Innovazione, semplificazione delle procedure, trasparenza e legalità – Sport, Andrea Orlandi, dichiara:
“Il progetto è stata un’ottima intuizione e per questo ringrazio il precedente assessore allo sport, Giuseppe Scarfone. Ha raggiunto due grandi obiettivi: la messa in rete delle realtà locali e un grande riscontro sia di azioni che di partecipazione. Dimostrazione che il coinvolgimento delle associazioni locali sportive e culturali rappresenta una grande forza catalizzatrice e una vera ricchezza per la nostra Città. Una scommessa vinta grazie anche alla continua presenza e collaborazione di Michele Giussani di Passi e Crinali, che si è occupato di tenere le fila delle azioni.”

Nel progetto sono intervenuti la cooperativa Il Grafo e l’Associazione Sesamo.

Soggetti di rete coinvolti:

• AccadueRHO
• Associazione Commercianti
• Oratorio San Carlo
• Oratorio San Giovanni
• Oratorio San Paolo
• Centro Estivo “La Fucina”
• Scuola Elementare San Carlo
• Scuola Elementare e San Michele
• Scuola Media San Carlo

mercoledì 18 maggio 2016

PRONTO PER RIPARTIRE


Cara Amica, caro Amico,
sono passati 5 anni e in questi giorni quando sono nel mio ufficio in comune mi capita di fermarmi dal sbrigare le varie faccende e mi guardo attorno. Osservo come il mio ufficio si sia riempito di cose e di oggetti in questi anni che mi ricordano il percorso sin qui compiuto: gli atti di nomina che tengo appesi al muro, la libreria davanti a me che si è riempita fino all’ultimo ripiano, la mensola del calorifero dove ho raccolto vari oggetti che le persone mi hanno lasciato, l’appendino, la mia inseparabile calcolatrice con la quale faccio i conti, il mio piccolo stereo e tante cianfrusaglie accumulate che si fa spesso fatica a buttare anche se la loro utilità è pari a zero. Sembra ieri che il Sindaco Pietro Romano, a cui va per primo il ringraziamento per la fiducia che ha posto in me (pensate, avevo solo 25 anni e ha avuto il coraggio di darmi la delega al bilancio, non è proprio da tutti!), mi ha nominato e ho iniziato la straordinaria avventura di questo mandato amministrativo!

Tra tutte le cose che riempiono il mio ufficio mi cade l’occhio su 3 in particolare che mi rimandano a momenti vissuti in questi cinque anni: una tartaruga in legno, la riproduzione della Rhocca d’Oro - scultura creata dal rhodense Franco Fossa - e un manifesto che tengo appeso dietro la porta dell’armadio. Questi simboli credo rappresentino le cose più importanti che ho imparato da questa esperienza e mi rimandano a tre persone che nella loro vita hanno contribuito alla costruzione del bene comune della nostra città. Due di queste persone ci hanno lasciato proprio in questi cinque anni di mandato.

La tartaruga è il simbolo del procedere lento, ma inesorabile, senza far rumore attorno a sé, ma raggiungendo l’obiettivo preposto. Questo credo sia il significato e lo sprone per chi fa politica. La strada che si percorre è dura, ma non bisogna mai fermarsi. Quante volte in questi anni in fondo i momenti di vera costruzione delle cose sono passati tramite il silenzio e la riflessione. In un mondo nel quale pare che tutto sia sotto i riflettori e tutto si deve svolgere in maniera veloce, alcune scelte importanti richiedono invece un attimo di pausa e di distacco per poterle meglio vedere e comprendere.

L’opera di Franco Fossa mi richiama invece al significato della concretezza. Come uno scultore 
modella quello che ha davanti dando concretezza a ciò che sente e percepisce dentro, credo che anche la politica debba fare lo stesso. Sentendo innanzitutto quello che ha dentro di sé, cioè i valori e i principi che la guidano nelle scelte per poi concretizzarle con fatica e tanto lavoro, capendo che quello che ha davanti non può in realtà essere stravolto, ma migliorato sempre di più dandogli un maggior valore. Proprio come succede con un blocco di marmo che all’inizio vale solo per il materiale di cui è composto, ma una volta completata l’opera avrà un valore molto più inestimabile.

Infine il decalogo del buon politico, la parte più alta e difficile di chi ricopre un incarico rispetto dei nostri ideali e valori nelle scelte concrete che facciamo. E’ quello che spesso in questi 5 anni mi ha interrogato e che spesso non mi ha fornito risposte. Di fronte ad alcune scelte sorge spesso qualche domanda su quale sia la strada più vicina a quello in cui noi crediamo, ma la risposta non è sempre semplice e ben delineata e questo lascia sempre un dubbio dentro che non si dipanerà mai se non con il passare del tempo e vedendo gli effetti che quella decisione ha prodotto realmente.



Non so se sono stato un buon assessore in questi 5 anni e se ce l’ho sempre messa tutta. Mi vengono in mente le parole di un mio allenatore di basket che ci diceva che sapevamo fare solo tre cose: correre, correre, correre. E aggiungeva che la cosa importante era che ciascuno di noi desse il massimo di quello che poteva in campo: chi poteva dare 1 doveva dare 1, chi poteva dare 10 doveva dare 10 e chi poteva dare 100 doveva dare 100. Ecco, io oggi mi ripresento davanti ai miei cittadini cercando di prendere un solo impegno, ovvero quello di correre sempre e di dare il massimo di me stesso in quello che faccio. Non so se basterà, ma credo che in questo mondo se ciascuno di noi desse il massimo di se stesso senza stare a guardare gli altri, forse staremmo tutti almeno un pelino meglio!

Buon voto,
Andrea

giovedì 21 aprile 2016

5 ANNI IN CIFRE

L’Amministrazione Comunale presenta il Conto Consuntivo 2015, i cui risultati sono il frutto delle politica di bilancio decisa nei cinque anni di governo della Città.

Il Conto consuntivo chiude con un avanzo di amministrazione di €. 4.268.773,25 in linea con il dato storico del comune di Rho, e che risulta essere così suddiviso:
• per €. 2.960.206,04 parte vincolata a Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità
• per €. 881.305,66 parte destinata a investimenti
• per €. 427.262,25 parte disponibile

Nella gestione del bilancio si è proceduto a ridurre strutturalmente la spesa corrente di oltre 3 milioni di euro dal 2011 al 2014 grazie al continuo processo di spending review messo in campo dall’amministrazione. Nel 2015 la spesa corrente è stata di € 36.490.000,62 (sempre minore rispetto al 2010 di oltre 2 milioni di euro) in aumento rispetto al trend degli anni precedenti per le maggiori spese collegate ad Expo 2015.

Per quanto riguarda le entrate, in questi cinque anni è stata significativa la continua riduzione dei trasferimenti dello Stato che sono diminuiti di € 11.085.380,84, passando da € 10.065.443,30 nel 2010 a € – 1.019.937,54 nel 2015.
Nelle entrate dovute a oneri di urbanizzazione, si è risentito della crisi con un minimo di euro 535.874,56 nel 2013, mentre negli ultimi due anni si segnala una leggera ripresa con € 860.810,09 nel 2015.

Ulteriore elemento, che caratterizza i cinque anni di gestione, è il trend negativo dell’indebitamento che è stato ridotto del 35,71% in cinque anni, passando da circa 94 milioni di euro a circa 60 milioni di euro nel 2015. Il peso degli interessi passivi è passato dai 3,9 milioni di euro del 2011 a 2,6 milioni di euro del 2015, con un impatto in termini di riduzione degli oneri finanziari di € 1.299.000 annui.

Per il secondo anno consecutivo il Comune di Rho si è aggiudicato la menzione di merito dell’Oscar di Bilancio della Pubblica Amministrazione, il prestigioso premio organizzato e gestito da FERPI (Federazione Relazione Pubbliche Italiana).
La menzione di merito dell’Oscar di Bilancio 2015 è stata consegnata al Comune di Rho con la seguente motivazione:
“L’adozione dei principi dell’armonizzazione contabile ha consentito al Comune di Rho di rappresentare in maniera chiara e completa la gestione dell’Ente. Il percorso di consolidamento dei bilanci delle società partecipate aumenta la trasparenza sulla gestione dell’Ente. Sul sito è presente una sezione dedicata all’illustrazione del bilancio sociale di metà mandato e del bilancio di previsione 2015 le cui informazioni sono ampiamente fruibili dal cittadino. La sezione Amministrazione Trasparente fornisce un’ampia informazione alle diverse attività dell’Ente.”

Il Sindaco di Rho, Pietro Romano, commenta:
“Esprimo la mia soddisfazione per i risultati raggiunti grazie alle scelte strategiche fatte in questi cinque anni. Adesso i conti sono in ordine con significative riduzioni nella spese corrente, grazie all’adozione di un’attenta spending review, e nel debito contratto durante amministrazioni precedenti. Questo è il frutto di un lavoro corale eseguito da consiglieri, assessori e dalla macchina comunale. Li ringrazio per aver contribuito ognuno a suo modo per le proprie competenze. Un particolare ringraziamento va sicuramente all’Assessore al Bilancio Andrea Orlandi e all’Ufficio Ragioneria.”

L’Assessore a Bilancio e tributi, Patrimonio comunale, Società partecipate, Politiche giovanili, Andrea Orlandi, dichiara:
“Abbiamo puntato molto alla chiarezza e alla trasparenza nei conti comunali, che ci hanno portato alla maggiore leggibilità dei dati. I nostri sforzi sono stati riconosciuti per due anni di fila anche a livello nazionale con il riconoscimento dell’Oscar di Bilancio della Pubblica Amministrazione. Un premio che ci ha rafforzato nella convinzione di proseguire sulle scelte intraprese nella gestione del bilancio.”