"Lei sta all'orizzonte: mi avvicino due passi, lei si allontana due passi. Cammino dieci passi, e l'orizzonte si allontana dieci passi più in là. Per molto che io cammini, mai la raggiungerò. A che serve l'utopia? A questo serve: a camminare!"
(Eduardo Galeano)

venerdì 12 gennaio 2018

APPROVATI I NUOVI REGOLAMENTI DELAL CONSULTA DELLO SPORT E PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI


Rho, 11 gennaio 2018

Nell’ultimo Consiglio Comunale del 2017 sono stati approvati gli aggiornamenti di due importanti regolamenti in ambito sportivo per renderli più attuali alle esigenze reali: il Regolamento della Consulta Cittadina dello Sport e Tempo Libero, che era stato approvato nel 2006, e il Regolamento per l’utilizzo di sale, strutture e impianti sportivi approvato nel 2009
Entrambe le revisioni dei regolamenti sono frutto di un lavoro partecipato con la Consulta dello Sport che, organizzandosi in gruppi di lavoro e in raccordo con l'Ufficio Sport, ha steso le proposte di modifica.
Nello specifico, rispetto al Regolamento della Consulta non vi sono grossi cambiamenti.
La Consulta è un organismo molto importante per la gestione delle politiche sportive della Città e si è rivelato uno strumento utile ed adeguato.
Sono trascorsi però diversi anni dall’approvazione del regolamento e con il tempo si sono introdotte nella prassi alcune modifiche applicate, previo accordo tra la Consulta e l’Amministrazione Comunale, con l’obiettivo di rendere la Consulta sempre più funzionale e agile nel suo operato. E’ stato quindi opportuno armonizzare il metodo di lavoro di fatto praticato nel corso degli anni con una revisione formale del Regolamento.

Rispetto invece al secondo Regolamento per l’utilizzo degli impianti sportivi si è operato nel modo seguente:
  • è stato creato un gruppo di lavoro da parte di volontari delle associazioni sportive;
  • è stata fatta una mappatura di tutti gli impianti con le relative caratteristiche tecniche e omologazioni;
  • è stata stilata un bozza di revisione condivisa con l'intero comitato esecutivo della consulta.

Le principali innovazioni introdotte sono:
  1. l'assegnazione degli impianti passa da annuale a triennale, in modo che le associazioni sportive possano programmare nel tempo le proprie attività;
  2. ci si pone l'obiettivo di concentrare le attività delle associazioni sportive in pochi impianti, in modo tale che si efficienti l'utilizzo e all'interno dello stesso impianto girino meno associazioni possibili;
  3. sono equiparate a tutte le altre discipline sportive quelle afferenti al CIP (Comitato Italiano Paraolimpico), in modo da istituzionalizzare la pratica sportiva da parte di persone con disabilità sul solco del lavoro fatto in questi anni.

L’Assessore allo Sport, Andrea Orlandi, commenta:
“Il lavoro approvato è frutto della fattiva collaborazione e del coinvolgimento della Consulta dello Sport. Il Comune di Rho riconosce lo sport come servizio sociale. E’ per noi fondamentale che la promozione delle varie discipline avvenga in modo armonico con le reali esigenze del territorio. In questo la Consulta gioca un ruolo determinante come momento di confronto e partecipazione sui temi di indirizzo generale in materia di attività sportive e motorie.”

giovedì 30 novembre 2017

FERIE SOLIDALI PER IL PERSONALE COMUNALE

La solidarietà tra colleghi di lavoro, in materia di ferie e riposi, ora sarà possibile anche per i dipendenti del Comune di Rho, tra i primi enti pubblici in Italia ad adottare le cosiddette “ferie solidali”, introdotte dal Decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 151, (un decreto attuativo del Jobs Act in attuazione della delega contenuta nella Legge 10 dicembre 2014 n. 183).

La Giunta Comunale ha infatti deliberato di introdurre l’istituto dei riposi e delle ferie “solidali” a favore dei dipendenti del Comune di Rho, in attesa della regolamentazione della materia da parte del Contratto Collettivo Nazionale. Lo scorso mese di aprile il Consiglio Comunale aveva impegnato il Sindaco e la Giunta comunale ad attivare tutte le iniziative volte all’applicazione ai dipendenti del Comune di Rho del principio introdotto dal sopra citato D.Lgs. n. 151/2015 prevedendo così la possibilità di rendere attuabile un gesto di solidarietà tra colleghi.

“Questa Amministrazione - commenta l’Assessore al Personale e organizzazione Andrea Orlandi – ha deciso di adottare l’istituto delle ferie solidali, senza aspettare la regolamentazione all’interno della contratto collettivo nazionale, per rendere subito possibile questo strumento a beneficio dei dipendenti comunali. Il Comune di Rho risulta tra i primi enti per l’attuazione di tale principio di civiltà, dimostrando ancora una volta di essere sempre attento alle innovazioni e alle opportunità offerte dalle nuove norme. Siamo convinti inoltre che incentivare la solidarietà tra colleghi permetterà anche di migliorare il benessere organizzativo e il senso di appartenenza all’ente.”

Da oggi sarà quindi possibile la cessione a titolo gratuito delle ferie o riposi maturati da tutti i dipendenti del Comune di Rho a favore dei colleghi, per consentire loro di assistere i figli minori che necessitino di cure costanti a causa di particolari condizioni di salute.

Più precisamente, i dipendenti del Comune di Rho potranno volontariamente cedere fino a un massimo di otto giorni complessivi per ciascun anno (quelle accumulate oltre i livelli minimi di legge); il personale potrà volontariamente cedere anche le ore accantonate nella Banca delle Ore, fino ad un massimo di 10 ore per ciascun anno.

I dipendenti, genitori di minori con particolari condizioni di salute, potranno quindi rivolgere alla Direzione del Personale la richiesta, reiterabile, di utilizzo di ferie “solidali” per un massimo di 30 giorni per ciascuna istanza, previa presentazione della certificazione comprovante lo stato di necessità e la relativa durata, rilasciata da una struttura sanitaria pubblica.

L'Amministrazione, a quel punto, renderà nota in forma anonima l'esigenza di “ferie solidali”, invitando i dipendenti, su base volontaria, a indicare la loro adesione alla richiesta e la quantità di giorni e/o ore che intendono cedere.

lunedì 23 ottobre 2017

RISULTATO 2016 POSITIVO PER LE FARMACIE COMUNALI

L’Azienda Speciale Farmacie Comunali di Rho chiude positivamente anche l’esercizio 2016 con un utile di € 52.330,00 dimostrando stabilità e consolidamento nella gestione aziendale. Tale importo sarà distribuito dall’Azienda totalmente a favore dell’unico socio Comune di Rho.

L’Azienda persegue gli obiettivi strategici, che hanno condotto alla crescita delle vendite ed a una maggiore efficienza ed attenzione nella gestione degli acquisti e della rotazione del magazzino merci.

L’attività dell’Azienda, anche se legata alla fornitura di beni per la salute in regime convenzionato, è di carattere commerciale e per questo motivo l’Azienda ha continuato a intervenire con proposte promozionali e sconti, la collaborazione con le ditte produttrici e l’effettuazione di riordini in base alle effettive necessità commerciali.
Continua inoltre l’aggiornamento delle informazioni pubblicate sul sito internet per promuovere i prodotti ed i servizi offerti e aumentare la propria visibilità.

L’Azienda Speciale Farmacie Comunali di Rho è presente nel Comune di Rho con tre farmacie: Comunale 1 Via Cardinal Ferrari, Comunale 2 nella frazione di Terrazzano, Comunale 3 presso il complesso Esselunga (quartiere Stellanda).

I servizi offerti dall’Azienda sono di carattere sanitario e privilegiano il contatto e la relazione con i clienti in modo da soddisfarne le esigenze. Tra i servizi si evidenzia:
• prova pressione arteriosa
• prova del peso corporeo
• prova della glicemia a titolo gratuito
• consegna dei farmaci a domicilio qualora richiesta
• prenotazioni di visite ed accertamenti tramite il sistema SISS della Regione Lombardia
• possibilità di pagamento delle quote del servizio mensa nelle scuole di Rho e pagamento dei servizi pre e post scuola e centri ricreativi del Comune di Rho (farmacia 2 di Terrazzano)
• fornitura alla Farmacia interna dell’Azienda Ospedaliera “G. Salvini” (presidi di Rho, Garbagnate, Bollate)

L’Azienda Speciale Farmacie Comunali di Rho è inoltre presente in alcuni progetti che sostengono attività sociali come l’ambulatorio medico Oltre il diritto con la fornitura di farmaci a titolo gratuito, le attività a livello caritativo in collaborazione con Caritas Cittadina, il “Centro Insieme”, la convenzione Vivi la Vita con sconti per le persone ultra sessantacinque anni, convenzione per il ritiro ticket di solidarietà emessi dai servizi sociali del Comune di Rho.

In generale la Farmacia Comunale opera sulla base della politica di calmierare i prezzi attuando sconti e promozioni su molti articoli dai farmaci ai prodotti da banco, dal parafarmaco ai cosmetici con particolare attenzione alle categorie economicamente più fragili e deboli e alle persone anziane.

Nel corso del 2017 a seguito Decreto del Sindaco n. 5 del 17 marzo 2017 è stato nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Azienda che risulta composto come segue:
Alberto Garavaglia - Presidente
Caruso Salvatrice - Consigliere
Violino Aldo - Consigliere

Il Sindaco di Rho, Pietro Romano, commenta:
“Ritengo fondamentale il ruolo svolto dalle nostre farmacie comunali, che rappresentano un riferimento della zona dove sono ubicate, rispondendo da un lato alle esigenze collegate alla salute, ma assolvendo anche un ruolo sociale fondato su valori come il vicinato, la conoscenza diretta del cittadino e la risposta situazioni di fragilità sociale. Anche se l’azienda deve operare su principi collegati a risultati economici e all’utile di esercizio, prevale il servizio rivolto ai cittadini, laddove il privato non avrebbe interesse e soprattutto convenienza.”

“Anche per l’esercizio 2016 si registrano risultati positivi, - dichiara l'Assessore a Bilancio e tributi, Società partecipate, Andrea Orlandi, - risultati che portano entrate importanti e significative nelle casse del Comune. Tutto questo è possibile grazie alla buona gestione dell’Azienda Speciale Farmacie Comunali di Rho. A nome dell’amministrazione ringrazio il Consiglio di Amministrazione, i direttori delle singole Farmacie Comunali e tutto il personale per l’ottimo lavoro svolto.”

Il Presidente dell’Azienda Speciale Farmacie Comunali, Alberto Garavaglia, commenta:
"Il Consiglio di Amministrazione ringrazia il Sindaco e l'Amministrazione Comunale per la fiducia accordata ed i dipendenti per l’impegno quotidiano prestato in Azienda. Il bilancio 2016, come ben sapete, si è chiuso con un utile che conferma i risultati conseguiti anche lo scorso anno. Il risultato deve essere letto tenendo in considerazione anche degli sconti attuati e dei servizi svolti a favore dei cittadini: ciò ha infatti consentito di svolgere un servizio migliore, che però ha inciso negativamente sul margine operativo. Obiettivo anche per il prossimo anno è quello di continuare a prestare attenzione agli acquisti ed agli interessi di tutti gli stakeholders dell’Azienda. A tal proposito il Consiglio di Amministrazione come sempre è disponibile ad accogliere gli input dell'Amministrazione Comunale, dei cittadini e dei dipendenti per offrire un servizio sempre migliore alla città di Rho."

Informazioni

lunedì 9 ottobre 2017

DEFIBRILLATORE DONATO DAL ROTARY CLUB RHO E DAI COMMERCIANTI


Giovedì 5 ottobre il Rotary Club di Rho, in collaborazione con alcuni commercianti, ha donato al Comune un defibrillatore comprato con il ricavato dell’iniziativa “Arte e Solidarietà” che si è tenuta a Rho il 17 e 18 giugno 2017 prima in via Martiri della Libertà e poi presso la sede dell’associazione culturale San Marco, dove la mostra è continuata fino a domenica 25 giugno.

Per l’iniziativa 40 artisti hanno interpretato “la scarpa” creando vere e proprie opere d’arte. L’evento culturale a scopo benefico è stato voluto da Enrico Confalonieri, titolare del negozio “PeperOne”, calzature donne in Rho, e organizzato dal gallerista Mario Palmieri con la collaborazione del Rotary Club Rho, il patrocinio del Comune di Rho e l’Associazione dei Commercianti.

La vendita delle scarpe è avvenuta tramite un’asta silenziosa a busta chiusa, dove i partecipanti hanno indicato il numero dell’opera scelta e l’importo dell’offerta con una base d’asta di euro 100,00 al rialzo. Ciascuna opera è stata aggiudicata al miglior offerente sotto il controllo del presidente del Rotary Club e il presidente dell’Associazione Commercianti, che ne hanno garantito lo svolgimento.

L’Assessore al Commercio e all’Arredo Urbano e Bellezza della Città, Sabina Tavecchia, commenta:
“Oltre ai sentiti ringraziamenti per la generosità verso la nostra città, sottolineo l’alto livello anche artistico dell’esposizione, che ho visitato con vero piacere. Una mostra “a cielo aperto”, secondo la tendenza che vede ormai le città più moderne cimentarsi in espressioni artistiche nello spazio pubblico come occasioni culturali e di socialità. L’auspicio è che tali eventi possano diventare contagiosi, un esempio di “best practice” per il rilancio anche del commercio della nostra città, davvero grazie.”

L’Assessore a Polizia Locale, Sicurezza e protezione civile, Maria Rita Vergani, afferma:
“A nome dell’amministrazione comunale ringraziamo Enrico Confalonieri, il Rotary Club Rho, Mario Palmieri, gli artisti e l’associazione commercianti per questa originale iniziativa benefica. La città di Rho dimostra sempre la sua generosità e la sua capacità di rivolgersi al bene comune. Il defibrillatore donato sarà destinato alla protezione civile e va ad aumentare la nostra dotazione per dare un supporto concreto alla salute e alla sicurezza non solo delle società sportive, ma di tutti i cittadini.”

Il defibrillatore donato va ad aggiungersi alla dotazione di 47 defibrillatori, che la prima Amministrazione Romano aveva già acquistato per fornire tutti gli impianti comunali di defibrillatori. Nel progetto era stata inclusa anche l’organizzazione di percorsi di formazione per la rianimazione cardio polmonare e defibrillazione precoce rivolti a più di 300 operatori delle società sportive. Oltre alla dotazione di 47 defibrillatori in 44 siti e impianti sportivi, si devono aggiungere anche gli 11 defibrillatori per dotare le strutture sportive di tutti gli oratori legati al progetto del Bilancio Partecipativo “Rho per il Cuore”.

Più precisamente sono stati dotati di defibrillatore tutte le palestre scolastiche, il Centro sportivo Molinello, ma anche il laghetto dei pescatori, il Molinello Play Village, l’Ufficio Sport, i campi da calcio, la pista di pattinaggio, il Parco comunale di corso Europa, il centro civico a Passirana e a Lucernate, l’auditorium in via Meda, il complesso di Villa Burba, il centro comunale di via Giusti, il Centrho, il centro diurno anziani in via Buon Gesu, il Quic, il comando della Polizia Locale, il Palazzo Comunale, la pista ciclistica. Il risultato di questo importante progetto è stato frutto della fattiva collaborazione della Consulta dello Sport.

Foto (da sinistra)
Giuseppe Augusto Chiarenza, presidente Rotary Club Rho
Enrico Confalonieri
Andrea Orlandi, Assessore Comune di Rho
Maria Rita Vergani, Assessore Comune di Rho
Andrea Agosti, Confcommercio Associazione Territoriale di Rho